iOS7, il telefono Melevisione

Gli sviluppatori ce l’hanno da alcuni mesi ormai, noi comuni mortali solo da qualche settimana. Se n’è parlato tanto, come in tanti hanno dato la loro (più o meno illustre) opinione. La vera domanda è: “Cosa c’è veramente da dire riguardo a iOS7?”

Risposta: “Meh”

Non vi elencherò tutte le novità perché le sapete già, vi dirò quali sono le cose che mi hanno fatto storcere un po’ il naso, o meglio, mi hanno fatto venire l’urto di vomito.

1. Blocco schermo

I numeri per digitare il codice sono più distanziati. Meno pratico, ma sono sottigliezze.

Lo sfondo non si può più ridimensionare a piacimento, perchè hanno deciso che quando muovi il telefono, lo sfondo si trasla leggermente nella direzione in cui lo si sta puntando. Molto utile, contando che è praticamente impercettibile. Hanno tolto una cosa figa per mettere una cazzata. Risultato: foto tagliate alla bell’e meglio e i particolari vanno a farsi fottere. Quando il telefono è in carica non si vede più la batteria che si ricarica, o meglio, la si vede per 5 secondi e poi torna in alto con la saettina che indica che la ricarica è in corso. Nel caso in cui vogliate essere sicuri che si stia ricaricando e che non vi siano cali di corrente nel cavo, preparate il microscopio.

2. Schermata Home

Le cartelle. Ok, lasciando stare l’impossibilità totale di creare sottocartelle (le nostre home sono un tripudio di GIOCHI1, GIOCHI2, GIOCHI3 etc…), le cartelle sono semi trasparenti e sfocate all’interno. Senza bordi. Senza bordi. E sottolineo SENZA BORDI. Praticamente un’orgia di icone.

3. Spotlight

Prima si andava verso destra e c’era la pagina zero con cui poter cercare, ora bisogna andare in basso. Cambiamento inutile, dato che prima era perfettamente accessibile. In più crea confusione, perché scorrendo dal basso verso l’altro già compare la tanto richiesta slide di impostazioni rapide. Quì invece è dall’altro verso il basso. Meh.

4. Multitasking

Lento e senza privacy. Siccome siete degli smanettoni, so che andate spesso su siti poco consoni al pudore o semplicemente guardate le foto di quella persona su facebook che vi piace tanto un sacco di volte durante le vostre giornate. Siete fuori con gli amici, volete chiudere le applicazioni, o peggio, ve le chiude un vostro amico: et voilà! Il danno è fatto. Tutti possono vedere l’ultima schermata dell’applicazione che si vuole chiudere. I commenti sono presto fatti: “Ahpperò che bella figliuola che ti stavi guardando” o “Chi cazzo è questo che ti manda i messaggi??” Boiata clamorosa. Nessun cenno inoltre a un “Chiudi tutte”. No, una per una.

5. Messaggi

Blu o verde con scritte bianche e un grigino schifido con scritte nere con uno sfondo biancho ghiaccio che perfora la cornea? E le nuvolette delle conversazioni che seguono il movimento del dito che scorre? Per favore. Jonathan Ive si è decisamente fumato il vinavil guardando i Teletubbies sulla Melevisione.

6. Foto

Forse la cosa che più sto odiando di questo “upgrade”. Le foto si aprono e i bordi sono bianchi, bianchi, BIANCHI! Praticamente l’anti-tutto. Certo, se si tocca un’altra volta i bordi vanno via e diventano neri, ma perché devo fare tap due volte quando prima me ne bastava uno? Per i video 2 barre semi grigino-trasparenti. E il desiderio sessuale va a farsi benedire. Però puoi farti le foto 1:1 da mettere su Instagram, così non le devi tagliare. Meh.

7. Safari

Perché indicare e tenere ben presente dove sono i tasti come “indietro”, “metti nei preferiti” o “sfoglia le tab”, quando puoi farli sparire tranquillamente per poi doverli far riapparire premendo un’altra volta in basso? (col rischio magari di aprire link che non vuoi aprire) Anche quì stesso discorso, inutile. Perché davvero mi volete far credere che quei 15 pixel in più per vedere il sito fanno la differenza su mobile?

 8. Bianco

“Bianco, bianco, bianco!” – Disse una mattina di primavera il nostro Jony in California. E così fu. Tutti i menu sono maledettamente bianchi, il che non mi darebbe fastidio, se ci fosse anche solo una remotissima possibilità di passare almeno ad un bianco meno sparato negli occhi, che ne so, un color panna/crema. O al massimo il nero con scritte bianche, che mi affatica meno gli occhi. Ma no. Questo non è possibile. Come dite? Si possono invertire i colori? Non ci penso nemmeno, è una presa in giro.

9. la Velocità

Sì, bello che sfuma quando si accende e che ci sono le animazioni per entrare nelle cartelle. Peccato però che prima quando chiudevo una cartella il procedimento fosse istantaneo, ora ci impiega un secondo netto. Forse questa è la cosa meno grave, però anche qui, perché peggiorare?

Conclusione:

Ho voluto elencare solo gli aspetti che non mi sono piaciuti, anche se ci sono cose che sono effettivamente migliorate, la qualità complessiva purtroppo non supera a mio parere la qualità del sistema precedente. I cambiamenti sono cose belle, ci stanno, ma devono sempre essere cambiamenti volti a migliorare l’esperienza precedente e non un pretesto per fare casino. Eddai Jony, ce la metti una impostazione per cambiare almeno i colori?

E comunque, meh.

Se l’articolo vi è piaciuto non dimenticate di condividerlo e di cliccare sul cuoricino del “mi piace” sotto l’articolo! 🙂

Devi essere loggato per lasciare un commento.