Giochi Croccanti: FARCRY 4

“Le montagne…le montagne!!” diceva un Vasco Rossi visibilmente ubriaco alla prima intervista con Mike Bongiorno.

E parliamo proprio di montagne, per quanto mi riguarda le vere protagoniste del gioco. Si perché è proprio dall’ esplorazione del territorio del Kyrat che troverete maggior soddisfazione. Ma andiamo con ordine.

farcry1

La spettacolare vista sulla montagna prima del “salto”

La storia di per sé non fa gridare al miracolo, ma la cosa veramente interessante è che, durante le sessioni di gioco, quasi sembra non importare più il “perché” voi siate lì, semplicemente vi ritroverete immersi nel Kyrat e, come nel caso del sottoscritto, vi ritroverete a dar più importanza alle tantissime missioni secondarie presenti rispetto alla storia principale.

Trattandosi di un titolo open-world, ho apprezzato particolarmente la veridicità delle situazioni che vengono poste dinnanzi al giocatore durante l’avventura, che permettono appunto di non sentire il “peso della finzione”. Il feeling delle armi e delle uccisioni dei nemici garantisce agli appassionati armaioli videoludici la tipica soddisfazione da carneficina digitale, persino quando vi ritrovate a mirare con l’AK47. Il rumore della mano sull’arma quando si comincia a mirare è molto convincente, soprattutto nelle fasi stealth. Devo dire però che quest’ultime non mi hanno convinto più di tanto.

farcry2

Gli attimi prima dell’assalto. Da notare la cura riposta nella realizzazione della vegetazione e delle armi.

In poche parole, tranne dove strettamente necessario ai fini della trama, mi sono trovato in più di un’occasione e sputtanare tutto e cominciare a sparare all’impazzata facendo fuori tutti. Win. E morendo qualche volta. Fail.

La possibilità di coinvolgere la fauna locale nei combattimenti mi ha divertito molto, soprattutto nei momenti più concitati, così come il poter scalare liberamente molti ostacoli.  Insomma, a livello di gameplay nudo e crudo, le aspettative riguardo FarCry4 sono state ampiamente ripagate. 

Ma veniamo all’aspetto che, nonostante non sia tra le mie personali prerogative imprescindibili nel valutare un titolo, mi ha colpito di più.

La Grafica.

farcry6

Scene di ordinaria follia sulle montagne del Kyrat.

Gli strapiombi, gli immensi prati e foreste che dovrete attraversare sono realizzati con molta cura, complice un motore grafico che ho apprezzato particolarmente. 

Le immagini a schermo conferiscono “pastosità” ai materiali ed alla luce e vista l’ambientazione di gioco, trovo sia una scelta stilistica più che azzeccata. Tutto è stato realizzato con particolare cura e molte piccole chicche fanno tranquillamente dimenticare le classiche piccole sbavature qua e là. Piccoli cali di framerate in alcune occasioni e una simulazione dei fluidi non dinamica sono gli unici difetti presenti. Sia chiaro, non è “la migliore grafica” (che espressione orrenda) che abbia mai visto, ma la trovo decisamente azzeccata per questo titolo. Insomma, le montagne si fanno respirare in tutta la loro maestosità.

farcry4

Anche la fauna locale vi darà del filo da torcere

Un’altra aggiunta che incrementa il valore del titolo è la possibilità di giocarlo in cooperativa online con un amico, che aumenta notevolmente il divertimento. Soprattutto avendo a disposizione chiavi di accesso per poterci giocare temporaneamente anche con chi non possiede il gioco. (Ottima manovra di marketing che sicuramente spingerà all’acquisto del titolo ancora più giocatori)

“Ma Andross, quindi è un gioco #croccante?”

Decisamente sì.

Se siete già fan di FarCry è per voi acquisto obbligato (non si discosta troppo dal terzo capitolo, tranne che per ambientazione e qualche aggiunta). Se non conoscete il brand, questo è un ottimo punto di partenza ed il divertimento è garantito.

Devi essere loggato per lasciare un commento.